ADEN s.r.l.
Impianti energetici
Cap.soc. 100.000 Euro
C.F./P.IVA 02891960987
Rea: 0487357
Sede operativa Via Enrico Fermi 5/A
25087 Salò (Bs)
Tel. 0365 520631
Fax 0365 448245

ADEGUAMENTO IMPIANTO SECONDO ALLEGATO A72 DI TERNA

L’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico, in data 7 Agosto 2014, ha pubblicato la deliberazione 421/2014/R/EEL - “Ulteriori interventi relativi agli impianti di generazione distribuita finalizzati a  garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale”, che definisce modi e tempi per l’implementazione di sistemi atti a consentire il teledistacco, in conformità con le prescrizioni di cui al paragrafo 8.8.6.5 e all’Allegato M della Norma CEI-016 – Edizione III.
Gli impianti di produzione di energia elettrica soggetti a tale provvedimento sono quelli che soddisfano i seguenti requisiti:

-    alimentati da fonte eolica o solare fotovoltaica
-    con potenza maggiore o uguale a 100kW
-    connessi (o da connettere) alla rete di Media Tensione
-    per i quali è stata presentata la richiesta di connessione prima del 1 Gennaio 2013
Gli adeguamenti richiesti dovranno essere effettuati entro il 31 Gennaio 2016.

 


Entro tale data, i produttori dovranno comunicare al gestore di rete (ENEL, A2A, AGSM, SET, ecc…) l’avvenuto adeguamento degli impianti, sottoscrivendo il nuovo regolamento di esercizio trasmesso ed allegando una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, redatta ai sensi del D.P.R. 445/00 da un responsabile tecnico di impresa installatrice abilitata o da un professionista iscritto all’albo professionale secondo le rispettive competenze, attestante che il sistema atto a consentire il teledistacco è conforme a quanto previsto dalla Norma CEI 0-16 – Edizione III.
Il gestore di rete è tenuto a verificare l’effettiva installazione dei sistemi atti a consentire il teledistacco tramite prove da remoto in relazione all’effettivo invio, ricevimento e implementazione del segnale. Qualora tali prove diano esito negativo, dovrà effettuare un sopralluogo sull’impianto di produzione per verificare l’avvenuta installazione dei dispositivi richiesti e i motivi del mancato funzionamento. Analogamente, poi, nel corso della vita utile dell’impianto, il gestore di rete dovrà periodicamente verificare il corretto funzionamento dei sistemi di teledistacco, con le tempistiche prevista dalla Norma CEI 0-16 (Allegato M).
I produttori che effettueranno gli adeguamenti richiesti entro il 30 Giugno 2015 (e che siano già in regola con le prescrizioni di cui agli art.39 e 40 del TIQE), avranno diritto ad un premio di importo compreso tra i 500 e gli 800 euro, a seconda del numero di protezioni di interfaccia. Un premio ridotto della metà spetterà invece ai produttori che effettueranno l’adeguamento entro il 31 Agosto 2015.                         

Tali premi saranno erogati direttamente dal gestore di rete (con tempi e modi definiti dalla deliberazione in oggetto), previo accertamento dell’avvenuto adeguamento.
Il gestore di rete dovrà comunicare al GSE quali impianti risulteranno inadempienti, ovvero non avranno inviato la documentazione attestante l’adeguamento entro il termine previsto del 31 Gennaio 2016, e il GSE provvederà alla sospensione dell’erogazione di eventuali incentivi fino all’avvenuto adeguamento.

L’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico si riserva di valutare quali interventi assumere per gli impianti inadempienti che non beneficiano di incentivi.

Ogni produttore che ricade in questa modifica sarà informato tramite lettera dall’ente distributore (Enel, A2A, SET, ecc…) sulle modalità di adeguamento dell’impianto di produzione.


Chi deve adeguarsi?   Quando?

Entro il 31 gennaio 2016: gli impianti fotovoltaici o eolici con potenza uguale e superiore a 100 kw per i quali sia stata presentata la richiesta di connessione prima del 01 gennaio 2013 e connessi alla rete di media tensione.

Che sanzioni sono previste per chi non si adegua?

Il gestore per i servizi energetici, GSE, come previsto dalla delibera 421/2014/R/eel in data 07 agosto 2014, ha comunicato a tutti gli operatori che verrà sospesa l’erogazione degli incentivi nei casi di mancato adeguamento degli impianti interessati entro la data del 31 gennaio 2016.
L’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico si riserva di valutare quali interventi assumere per gli impianti inadempienti che non beneficiano di incentivi.

Come adeguarsi?

Aden è in grado di fornirvi un opportuno servizio di adeguamento degli impianti definiti dalla delibera 421/2014/R/eel. Aden è in grado di fornire il servizio direttamente in loco  eseguendo tutte le verifiche ed i controlli necessari (installazione apparecchiatura, cablaggio configurazione e prove di funzionamento). Inoltre Aden si occuperà anche dell’aggiornamento della documentazione e dell’attestazione all’ente gestore dell’avvenuto adeguamento, (regolamento d’esercizio, dichiarazioni sostitutive, ecc…) in modo da non incorrere nella sanzione di sospensione degli incentivi.