ADEN s.r.l.
Impianti energetici
Cap.soc. 100.000 Euro
C.F./P.IVA 02891960987
Rea: 0487357
Sede operativa Via Enrico Fermi 5/A
25087 Salò (Bs)
Tel. 0365 520631
Fax 0365 448245

DIAGNOSI ENERGETICA

Per Diagnosi Energetica si intende eseguire una valutazione documentata e periodica della gestione dell’energia all’interno dell’azienda, e di ogni sito produttivo della stessa, elaborando uno studio che prenda in considerazione tutti gli aspetti tecnici ed economici a livello energetico allo scopo di evidenziare con precisione i centri di maggior consumo, ridurre il fabbisogno energetico e di conseguenza ridurre le  emissioni dei gas effetto serra.

Obbiettivo primario di Aden è l’efficienza energetica tramite una collaborazione totale e duratura nel tempo con il cliente per la verifica dei costi energetici delle sue utenze, la riduzione dei costi di approvvigionamento di energia elettrica e gas, lo studio di soluzioni tecnologiche innovative, la realizzazione e successiva gestione di impianti per il risparmio energetico.

Rispettando la metodologia definita dalla norma UNI CEI/TR 11428, è in grado di realizzare uno studio che comprende sia gli aspetti tecnici che economici evidenziando i seguenti obbiettivi:

•    Individuare i possibili interventi di riqualificazione tecnologica;
•    Valutare, per ciascun intervento, i vantaggi tecnici ed economici;
•    Definire il bilancio energetico del sistema edificio-impianto;
•    Monitorare i consumi per verificare gli obiettivi di efficientamento energetico e pianificare nuovi interventi;
•    Classificare gli interventi in base al principio della “maggior” convenienza;
•    Indirizzare il cliente all’intervento più “conveniente”;
•    Migliorare le condizioni di comfort e di sicurezza;
•    Ridurre le spese di gestione;
•    Portare il cliente ad implementare un Sistema di Gestione dell'Energia per ottenere la certificazione ISO 50001

Chi deve eseguire una diagnosi energetica?

Il decreto legislativo del 4 luglio 2014 n.102 ha introdotto l’obbligo di effettuare e presentare, entro il 5 Dicembre 2015, una diagnosi energetica di ogni sito produttivo ubicato su territorio nazionale di tutte le Grandi Imprese e degli Energivori.

Per Grandi Imprese si intendono le aziende con oltre 250 dipendenti ed un fatturato annuo superiore ai 50 milioni di euro o con un totale di bilancio annuo superiore a 43 milioni di euro.

Per Energivori si intendono le aziende a forte consumo di energia elettrica con almeno 2,4 GWh/anno consumati ed un rapporto tra costo effettivo dell’energia utilizzata per l’attività e il valore del fatturato di almeno il 2%, che presumibilmente hanno già presentato domanda per l’esenzione degli oneri.

Le Diagnosi andranno poi ripetute ogni 4 anni.

Sono escluse le imprese che hanno adottato un sistema di gestione conforme EMAS e alle norme ISO50001 e UNI ISO 14001 se il sistema di gestione include già un audit energetico, in caso contrario sono tenute ad incrementare con una diagnosi il lavoro svolto.

Le imprese energivore, inoltre, dovranno programmare interventi di efficientamento evidenziati dalla diagnosi energetica o in alternativa, potranno adottare un sistema di gestione conforme alla ISO50001.

E’ prevista l’istituzione di una Banca Dati delle aziende obbligate ad effettuare la diagnosi energetica che sarà gestita da ISPRA e dall’ENEA.

ENEA sarà anche incaricata di svolgere i controlli, che dovranno essere fatti a campione su almeno il 3% dei soggetti obbligati, il controllo può prevedere anche verifiche sul campo.

Le imprese che si avvarranno di un auditor interno saranno tutte soggette a controllo.


 

Sanzioni previste:

Sono previste sanzioni pecuniarie per gli inadempienti:
- tra i 4.000 € e i 40.000 € per i soggetti che non presentano una diagnosi
- tra i 2.000 € e i 20.000 € per i soggetti che presentano una diagnosi non completamente
conforme alle direttive allegate al Decreto.